Progetto Panda Nord Milano

Centro d’Ascolto “Mamme dal mondo”

Il progetto mira a contribuire alla prevenzione e al trattamento del disagio psicosociale nel periodo compreso tra la gravidanza e i primi tre anni di vita del bambino attraverso un servizio ambulatoriale di counselling per genitori e un servizio di formazione per operatori dell’area materno-infantile sul disagio in gravidanza e dopo il parto.

Le nostre Finalità
Attivare un servizio ambulatoriale che svolga attività di prevenzione del disagio psicologico della donna in gravidanza e dopo il parto, e di sostegno e cura delle situazioni di difficoltà che possono presentarsi in questa delicata fase di vita.

Lo Sportello si pone in collaborazione con i Servizi già esistenti nella zona nord di Milano e si collega con questi nello svolgimento delle sue attività.

Istituire un Servizio in grado di prestare attenzione alle forme in cui può esprimersi il disagio delle madri immigrate, cogliendo in modo appropriato la loro domanda di aiuto e fornendo risposte mirate.

Formare gli operatori dell’area materno-infantile (medici di base, pediatri, infermieri, ostetriche, educatori):

– sulla depressione post partum e sulle forme di disagio psicologico in gravidanza e dopo il parto, nonché sugli strumenti a disposizione per affrontarli (prevenzione, diagnosi, cura);

– su come viene percepita la maternità in culture diverse dalla nostra e sulle modalità in cui può manifestarsi il disagio nelle mamme immigrate. Il progetto intende in questo modo perseguire il superamento delle difficoltà di comunicazione linguistica e culturale, che ostacolano un’efficace presa in carico delle donne immigrate da parte dei servizi nel periodo della gravidanza e del post-parto.

Le nostre Attività

Avvio di uno sportello di counselling individuale.
La sede delle attività di counselling sarà ubicata nelle vicinanze dell’Ospedale Bassini di Cinisello, più precisamente in via Dante 47 (istituto Suore Vincenziane), dove già è attivo da alcuni anni l’ambulatorio pediatrico per bambini figli di immigrati, avviato con la collaborazione dell’Unità Operativa di pediatria dell’ospedale stesso. Tale contesto rappresenta un’importante opportunità per il progetto, sia perché le donne immigrate hanno già una familiarità con la struttura, sia perché la collaborazione già esistente tra l’ambulatorio e l’unità di pediatria favorirà una forte connessione tra il progetto e l’ospedale stesso. I locali sono già arredati e sarà predisposto il materiale necessario allo svolgimento delle attività (materiale testistico, cartelle cliniche, etc). Gli operatori, un responsabile dello sportello e 4 tra psicologi e psichiatri in formazione avanzata, si occuperanno dell’attività di counselling individuale e di gruppo. Inoltre, verrà garantita la presenza di un mediatore culturale almeno un giorno alla settimana e sicuramente nella fase del primo colloquio con la mamma in difficoltà. Sarà svolta ogni mese una riunione di intervisione e verifica del funzionamento dello sportello con tutti gli operatori interni, per migliorare i servizi offerti. Sarà inoltre svolta con cadenza regolare un’attività di supervisione dei casi clinici. Il funzionamento delle attività si articolerà come segue: lo sportello sarà contattato dagli invianti o direttamente dalle mamme per un primo appuntamento, durante il quale verrà aperta la cartella clinica. In un secondo incontro saranno somministrati i test diagnostici e sarà effettuato un inquadramento clinico della paziente, con l’individuazione di un eventuale percorso di counselling individuale o di gruppo o invio a strutture e personale competente e successivo monitoraggio della situazione. Il Centro sarà aperto al pubblico, con la presenza di uno psicologo, per 3 mezze giornate a settimana: il lun/mer/ven dalle 10 alle 16. L’accoglienza al pubblico, potrà avvenire sia telefonicamente che di persona su libero accesso e si effettuerà dalle 12.00 alle 14.00 mentre l’attività clinica, ovvero lo svolgimento dei colloqui di counselling,  si svolgerà dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 16.00 esclusivamente dietro appuntamento.

Attività di affiancamento al Progetto Salute
Il mercoledì dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 16.00 uno psicologo dell’èquipe affiancherà gli operatori dell’ambulatorio pediatrico nell’ambito dell’integrazione con il Progetto Salute della pediatria dell’ospedale Bassini di Cinisello. Lo psicologo sarà presente al mattino durante le visite agli adulti e al pomeriggio durante le visite pediatriche  insieme al personale sanitario e alla mediatrice culturale per rispondere a interrogativi di tipo psicologico posti dall’utenza straniera e, nell’eventualità, per inviare allo sportello.

Attività di affiancamento nei Consultori del distretto di Cinisello
Uno psicologo del Centro d’Ascolto e il responsabile di progetto parteciperanno agli incontri di formazione e prevenzione nei Consultori del distretto di Cinisello nell’ambito della collaborazione con il Servizio per un totale di 12 ore che potranno ulteriormente essere ampliate dopo una prima fase di sperimentazione.

Avvio dell’attività di informazione e prevenzione rivolta agli utenti dello sportello
I destinatari saranno le coppie di futuri genitori contattate attraverso vari servizi e in vari contesti (ad esempio nei corsi di preparazione al parto, negli asili, negli ambulatori medici).
La formazione sarà curata dagli operatori interni allo sportello, che elaboreranno alcuni moduli formativi sui temi di interesse per i futuri genitori.
Si prevede una valutazione del percorso formativo allo scopo di promuovere un continuo miglioramento del servizio.

Formazione degli operatori interni
Due psicologhe e una psichiatra esperte sui temi in oggetto si occuperanno della formazione e dell’aggiornamento degli operatori interni e dei tirocinanti. Gli operatori riceveranno inoltre un’adeguata formazione sui temi della mediazione e della clinica transculturale.

Formazione degli operatori esterni
Sarà organizzata una sessione formative di breve durata dedicata agli operatori che a diverso titolo si confrontano con donne con problematiche psicosociali italiane e immigrate.
Oltre alla formazione sulle tematiche riguardanti il disagio psicosociale nella maternità e nel puerperio, si prevede di fornire conoscenze specifiche agli operatori affinché siano in grado di cogliere e decodificare le forme in cui si manifesta il disagio delle mamme immigrate: ci si avvarrà per questo della consulenza di esperti nella mediazione culturale e nella clinica transculturale

Attraverso la collaborazione coi Comuni della zona a nord di Milano lo sportello manterrà un costante aggiornamento della mappatura del fenomeno dell’immigrazione e della maternità delle donne immigrate.

Si prevede che i dati clinici raccolti attraverso lo sportello del Sestese,  verranno utilizzati per la realizzazione di una ricerca riguardante il disagio psicosociale delle neomamme  già prevista all’interno di un progetto in corso a Monza, realizzato da Panda e cofinanziato dalla Fondazione della Comunità di Monza e Brianza.

Operatori interni
4 psicologi specializzandi in psicoterapia
1 specializzando in psichiatria
1 mediatore culturale
1 responsabile di progetto

Partners/rete
Consultori ASL distretto Cinisello
Comune Cinisello settore servizi sociali
Ospedale Bassini di Cinisello (Pediatra, Psichiatria, Psicologia adulti)
Cooperativa Crinali
Spazio “United Colours of Cinisello”, via Dante 47, Cinisello Balsamo

TEMPI
Avvio: gennaio 2008

LINK AMICI
www.comune.cinisello-balsamo.mi.it
www.fondazionenordmilano.com
http://sangerardo.extra.fabbricadigitale.it
www.crinali.org
www.ambitoterritorialecinisellobalsamo.it

Leave a Reply